post

AMARCORD IN BIANCOBLU: CAVESE-SICULA LEONZIO

Il nome della Sicula Leonzio, società fondata nel lontano 1909, ma passata nel corso della sua storia attraverso varie ridenominazioni, ha un sapore alquanto suggestivo dalle parti del Simonetta Lamberti. I bianconeri siciliani, infatti, in 5 precedenti esterni contro la Cavese hanno guadagnato ben 3 vittorie, di fronte ai 2 successi dei metelliani. 

Sfida dunque abbastanza movimentata, che contò il suo primo precedente nella stagione di Serie C2 del 1988/89, con la formazione metelliana guidata da Rino Santin che si impose all’allora Atletico Leonzio soltanto nel finale di partita grazie all’acuto decisivo di Luciano Carafa. La Cavese reduce da una sconfitta in quel di Genzano al cospetto del Cynthia e questa vittoria nel finale di stagione risollevò parzialmente gli animi. Nelle due stagioni successive, invece, quelle del 1989/90 e del 1990/91 la Cavese riportò al cospetto della compagine sicula allenata da Salvatore Bianchetti ben due sconfitte. Alquanto clamorosa la prima per 0-3 e con conseguente esonero di Santin, beffarda quella del 1991 invece, in cui alla Cavese non bastò il tiro dagli undici metri di Pierluigi Pierozzi. L’Atletico Leonzio era allenato da Osvaldo Jaconi e guidato dal giovane D’Isidoro in campo. La Sicula Leonzio poi andò a trionfare anche nella sfida più attesa di tutte nel 2017, dinanzi ai 3.500 del Lamberti e con un primato in classifica da contendere. L’undici di Ciccio Cozza prevalse con uno 0-2 sui biancoblu di Emilio Longo.
La Cavese avrebbe del resto riportato una seconda vittoria contro questo club siciliano nella stagione del 2002/2003 in Serie D, al tempo in cui i bianconeri erano denominati Lentini. I metelliani peraltro vinsero sul neutro di Sapri, in quanto dovevano scontare ben 5 turni di squalifica al campo dopo i fatti di Delianuova. La formazione di Mario Somma, comunque, vinse con un 3-1 che comunque creò qualche grattacapo. La Cavese andò in vantaggio dopo 18 minuti con Fabio Di Vito, ex del Chieti e ficcante ala destra, ma venne raggiunta al 37’ dallo sgusciante Grillo, che interruppe l’imbattibilità in campionato di Stefano Ambrosi dopo ben 1.058 minuti. Un grandissimo record quello dell’estremo difensore laziale, fratello dell’altrettanto noto Alessandro Ambrosi. Nella ripresa però la Cavese ritrovò le giuste misure con la doppietta di Gigi D’Aniello che fissò il punteggio sul 3-1 finale. L’arbitro era Barletta di Bernalda, poi diventato anche abbastanza famoso per il nostro calcio. La Cavese in quella stagione vinse il campionato e quel giorno si schierò così: Ambrosi, Chiarello, Panini, D’Amico, Abate, Ianni, Di Vito, Corradino (76’ Sansò), Minieri (80’ Gabrieli, Mangiapane (90’ Peppe) e D’Aniello.

Vincenzo Paliotto

Fabio Di Vito

Tabellino Tuttosport

Please follow and like us:
0
post

I BIANCOBLU CHE SFIDERANNO DOMANI LA SICULA LEONZIO

Allenamento di rifinitura questa mattina allo stadio per la squadra, agli ordini di mister Modica: prove tattiche e di formazione per la sfida di domani alle 14:30 al Lamberti contro la Sicula Leonzio.

Lavoro a parte per Lia (problemi  alla caviglia) e Zmimer (distorsione ginocchio da valutare). Inzoudine prosegue il recupero con allenamento specifico: 24 i convocati dal tecnico biancoblu.

Portieri: 1 Vono, 22 De Brasi

Difensori: 2 Palomeque, 3 Silvestri, 5 Manetta, 13 Marino, 19 Licata, 23 Bruno, 28 Nunziante

Centrocampisti: 4 Migliorini, 8 Favasuli, 11 Fella, 14 Tumbarello, 15 Mincione, 16 Buda, 17 Logoluso, 20 Bettini, 21 Landri

Attaccanti: 7 Rosafio, 9 Sciamanna, 10 De Rosa, 18 Flores Heatley, 24 Agate, 26 Di Fazio

Indisponibili: Zmimer, Inzoudine, Lia

 

Ufficio Stampa Cavese 1919 srl

Please follow and like us:
0