post

AMARCORD IN BIANCOBLU: CAVESE-JUVE STABIA

Sono particolarmente numerosi i precedenti tra la Cavese e la Juve Stabia nel corso dei campionati, anche attraverso le varie denominazioni sociali che il sodalizio di Castellammare di Stabia ha avuto nella sua storia iniziata nel 1907. Del resto le due squadre risultano tra le provinciali più blasonate del calcio campano. Oltretutto le due città condividono il ricordo ed il dolore di un grande calciatore: Catello Mari, nato a Castellammare di Stabia ed affermatosi calciatore a Cava de’ Tirreni.
La Cavese incrociò sul terreno amico per la prima volta gli stabiesi nel 1922/23 nel Campionato di I Divisione, perdendo per 2-4 nonostante il gol in apertura di Bruna. Una nuova sconfitta arrivò nella stagione successiva. Il match sul campo finì 1-1, gol di Fracchia per la Cavese, ma poi la vittoria venne assegnata successivamente a tavolino per delibera della Caf. Un pareggio a reti inviolate si registrò nel 1939/40, mentre la prima vittoria la Cavese la colse in Serie C nel 1940/41 per 2-0. La Cavese vinse con identico punteggio anche nel 1941/42 ed invece per 3-1 nel 1942/43 con gol di D’Alia e doppietta di Bisotti. Oltretutto nel 1942 la Cavese e lo Stabia giunsero alla finale della Coppa CONI regionale (un torneo molto ambito), che gli aquilotti vinsero per 2-1, prima che il Giudice Sportivo per presunti e mai accertati disordini da parte dei tifosi metelliani, desse la vittoria a tavolino agli stabiesi.
Una nuova epoca di confronti si sarebbe inaugurata nel 1969/70 in Serie D con vittoria aquilotta per 3-1, quindi pareggio per 0-0 nel 1971 e sconfitta interna per la Cavese nel 1971/72, anno in cui gli stabiesi approdarono in Serie C. Due pareggi poi consecutivi ad occhiali nel 1975 e nel 1976, mentre nella stagione del 1976/77 la Pro Cavese non andò oltre l1-1 in casa, nonostante il gol di Eleuteri.
Una nuova sfida sarebbe ritornata soltanto nel 1986/87 in Serie C2 con un pareggio a reti inviolate e quindi una sconfitta interna per 0-2 nel 1988. Nel 1988/89 la Cavese ritornò alla vittoria contro la Juventus Stabia grazie ad un gol di Luciano Carafa.
Mentre nel 2000/2001 la Cavese in casa non andò oltre lo 0-0 contro le vespe rimaneggiate e mal messe in classifica. Nel 2002/2003 in Serie D contro una compagine denominata Comprensorio Stabia la Cavese prevalse per 2-0, con doppietta di Oscar Di Matteo, autore di 10 gol stagionali.

Tuttavia, la sfida in Serie C2 del 2004/2005, decisiva ai fini dei playoff promozione, premiò in campionato la Juve Stabia per 0-2 in una partita accesissima, mentre nei playoff appunto prevalse la Cavese di misura con gol di Antonio Schetter sul neutro di Frosinone. Entrambe le partite si giocarono a campo neutro e senza il supporto di alcuna tifoseria. Anche i giornalisti ammessi alle due partite furono pochissimi. La Cavese perse poi la finale con il Gela, ma ad essere ripescato fu il club di Castellammare. La Serie C1 del 2006/2007 vide poi le squadre nuovamente protagoniste, nel primo derby dopo la prematura scomparsa di Catello Mari. Di lunedì pomeriggio la Cavese vinse tra le mura amiche per 3-1. Nell’occasione Salvatore Campilongo schierò questa formazione: Mancinelli, Arno, Dario Rossi, Cipriani (59 Manzo), Nocerino, Alfano (85 Tatomir), Romondini, DAmico, Tarantino, Ercolano De Giorgio (80 Sorbino). L’arbitro era Forconi di Aprilia. Al vantaggio di Femiano al 19, risposero Alfano al 33′ e 42′ con una doppietta e quindi Ercolano al 61. Così come accadde nel 2008/2009 ancora con una vittoria sontuosa per la Cavese per 3-1 con doppietta di Vittorio Bernardo e rigore di Francesco Favasulin. Nel 2011 quindi successo per 2-0 per la Cavese, ma inutile poi ai fini della classifica finale.

Vincenzo Paliotto

Please follow and like us:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *