#restiamovicini – Racconto dal Nord: DOMENICHE BIANCOBLÙ

Domenica è sempre domenica…

Il famoso ritornello della canzone per chi ha lasciato Cava de’ Tirreni ed abita al Nord ha un sapore amaro… I portici per la passeggiata sono lontani, le “pastarelle” non sono quelle delle nostre pasticcerie e soprattutto manca indossare la propria sciarpetta e correre allo stadio.

Poi una domenica di settembre un piccolo miracolo: la Cavese gioca a 5 km da casa tua, a Cittadella (Pd). “Non possiamo perdere questa partita, papà!” – esclamai. E dissi bene, a ripensarci oggi, perché fu l’ultima volta che vedemmo la Cavese insieme….

Giro di telefonate d’obbligo.

Contatto Raffaele Siani, fratello di Ennio e Tonino, ci si dà appuntamento al bar a Pozzetto di Cittadella e si parte!

La strada in macchina verso lo stadio “Tombolato” sembra interminabile, tra racconti ed aneddoti ci si fa un sacco di domande: quanti arriveranno da Cava? Ci saranno i ragazzi della curva?

Arrivati sul posto l’emozione cresce. Eccoli! Cominciamo ad avvistare qualche pullman, macchine da cui si sentono cori e si intravedono i nostri colori, facce appesantite dagli anni passati ma mai dimenticate.

Peppino del gruppo Fuffo mi riconosce subito: ci abbracciamo, non ci si vede da tanto; anche altri amici ci riconoscono, noi siamo” quelli che stanno al nord” per lavoro.

I sorrisi sono sinceri, ci domandano come stiamo, quando torniamo a Cava, se la nostra terra ci manca…

Tra i visi conosciuti si fa spazio una signora che mi chiede: ma sei Nicoletta? Sono Caterina la cugina di tua mamma!!! Sono con mio marito e mio figlio Gaetano (Palumbo…tifosissimo)! Anche noi siamo al nord, a Reggio Emilia e oggi siamo partiti per venire a vedere la Cavese!

Le cose da raccontarsi sono tante e quindi dopo la partita facciamo un salto a casa di mia madre.

L’abbraccio inaspettato tra le cugine commuove tutti, perfino me che ero di cattivo umore per il risultato a sfavore della Cavese.

La Cavese non è solo una squadra di calcio, per noi che abitiamo al Nord è un ponte con la nostra terra, l’occasione per abbracciare qualche amico, qualche parente e sentirci sempre parte di qualcosa da cui il corso della vita ci ha portato lontano ma solo geograficamente. Perché il cuore non ha latitudini, sì, ma ha un solo colore: il blufonce’!

Nicoletta Di Domenico, 44 anni, Bassano del Grappa (VI)

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp